Rinnovabili confermate in crescita mondiale al 2020: basterà?

Written by  Monday, 20 June 2016 10:27
Rate this item
(0 votes)
Read 1578 times Last modified on Thursday, 23 June 2016 10:20

La produzione da rinnovabili cresce, e le previsioni che davano in ascesa la produzione da piccoli impianti collegati direttamente al sistema di distribuzione erano nel giusto.

Secondo l’Autorità per l’energia, nel 2014 sono stati oltre 657 mila i piccoli e piccolissimi impianti alimentati in prevalenza da rinnovabili, quasi 70 mila in più rispetto al 2013, per una potenza installata di oltre 30 mila MW, circa un quarto di quella nazionale. Il "Monitoraggio dello sviluppo degli impianti di generazione distribuita per l'anno 2014” è molto chiaro in proposito. Nel nostro paese le 'mini-centrali' contribuiscono per circa il 23% alla produzione nazionale totale (64,3 TWh), con l'80% dell'energia elettrica prodotta da rinnovabili, in particolare da solare. L'aumento del numero di impianti rispetto al 2013 è legato principalmente allo sviluppo di quelli fotovoltaici (quasi +68.800), mentre aumenta la produzione da biomasse, biogas e bioliquidi. Il sistema elettrico nazionale cambia, passando da pochi impianti di taglia grande a una moltitudine di impianti di taglia media, piccola e piccolissima, che oltre a sfruttare le rinnovabili può anche creare efficienza energetica grazie (anche) alla cogenerazione. Rispetto al 2013, il numero di impianti è aumentato del 12%: si conferma il trend di crescita degli ultimi anni, mentre la potenza installata è leggermente diminuita (-50 MW) sostanzialmente a causa della diminuzione degli impianti termoelettrici (-197 MW) e idroelettrici (-66 MW), mentre è in aumento la potenza degli impianti FV (+147 MW) ed eolici (+89 MW). Circa il 20% di quanto prodotto viene autoconsumato, mentre la parte restante viene immessa in rete.                                                                                  

Il trend è ampiamente confermato da Bloomberg New Energy Finance, che nel recente New Energy Outlook 2016 afferma decisamente la vittoria delle fonti rinnovabili su quelle fossili, anche per una questione di prezzo. I prezzi dell’energia da carbone e gas continueranno, secondo il report, a rimanere bassi ancora per lungo tempo visto grazie all’eccesso di materia prima rispetto alla domanda. Questa situazione generale positiva sarà consolidata da almeno due fattori: gli investimenti verdi e lo sviluppo del settore dello storage, che contribuiranno ad abbassare i prezzi delle energie rinnovabili già al 2020 (in Cile è già successo, a partire da quest’anno) e nella maggior parte del mondo entro il 2030. Nello specifico, il prezzo per la generazione del MWh per l’eolico a terra scenderà del 41% entro il 2040, mentre il fotovoltaico subirà una riduzione addirittura del 60%, passando dai 74- 220$ / MWh di oggi, ad una stima media di circa 40$ / MWh in tutto il mondo nel 2040. Questo significa anche una crescita esponenziale delle istallazioni nel mondo (anche se il trend italiano è ancora in discesa): per il 2040, le rinnovabili costituiranno il 60% della capacità installata a livello mondiale, di cui eolico e fotovoltaico rappresenteranno il 64% dei 8.6 TW della nuova capacità prevista.                                                                                                                                                           

La sola energia solare rappresenterà il 43% (3.7 TW) della nuova capacità aggiunta nel periodo 2016-40 e con oltre 3 miliardi di dollari di nuovi investimenti. Da qui al 2040 gli investimenti in rinnovabili ammonteranno a 7.800 miliardi di dollari, mentre gli investimenti globali in fonti fossili scenderanno a 2.100 miliardi. Un buon risultato, che però non basta: per raggiungere i risultati previsti dalla CoP21 servono migliaia di miliardi in più. Se ci fosse stato bisogno di comprendere la convenienza delle rinnovabili, il trend positivo e soprattutto la diminuzione del prezzo confermano ogni previsione.                                                                                                                                                            

 

 

IanusBlog

Blog di Ianus

Leave a comment