Digital Engagement per l'energia: dal comportamento al premio

Written by  Tuesday, 24 November 2015 12:01
Rate this item
(0 votes)
Read 1861 times

Si chiama Peak Time Savings Smart Appliance Challenge, ed è una sfida reale per i clienti ComEd iscritti al programma di Risparmio nei periodi di picco.

 

Obiettivo, ridurre volontariamente l'uso dell’energia elettrica nei periodi di domanda più alti e ricompensare chi ha risparmiato di più.

Si tratta di un programma di misurazione intelligente che premia con crediti per le bollette elettriche i clienti virtuosi che diminuiscono il consumo di energia elettrica durante i periodi di picco della domanda. I clienti guadagnano un 1$ di credito sulla bolletta per ogni kWh di energia elettrica ridotto volontariamente durante le Ore di Risparmio nei tempi di picco. Una seconda ricompensa prevista è rappresentata da elettrodomestici intelligenti messi in palio per i clienti più virtuosi e che mettono in pratica comportamenti ancora migliori. I primi risultati del programma non si sono fatti attendere: l’estate 2015 ha visto un risparmio di circa $ 400.000 sulle bollette elettriche.

ComEd non è nuova ad iniziative del genere: già nel 2013 utilizzava i social media come canale per dialogare con i clienti e migliorare i propri servizi attraverso le loro opinioni, primo tra tutti il miglioramento del formato delle bollette elettriche, a detta dei consumatori difficili da interpretare. Una strategia che continua a puntare quindi sul coinvolgimento del cliente, attraverso strumenti diversi e spesso integrati tra di loro, che puntano tutti all’uso del digitale come mezzo di fidelizzazione e, soprattutto, di interazione cliente-azienda.

Se è vero che i comportamenti dei consumatori stanno lentamente cambiando anche in materia di risparmio energetico, è proprio adesso che le aziende devono intercettare i comportamenti più virtuosi e trovare un modo per ricompensarli. Nel caso di ComEd, i crediti “vinti” dai clienti che risparmiano di più rappresentano solo un piccolo investimento a fronte di quello che è il ritorno per l’azienda, in termini di immagine e di sviluppo di nuovi prodotti (i contatori intelligenti). In generale, un consumatore “digitalmente coinvolto”, è più propenso a consigliare il proprio provider di servizi energetici, collabora nelle survey e nei programmi di gestione dell’energia promossi dall’azienda e risulta, alla fine dei giochi più soddisfatto. L’azienda non deve fare altro - si fa per dire - che mettersi in contatto con lui in un luogo che gli è familiare, dove passa la maggior parte del suo tempo, e dove lui stesso vuole sviluppare interazioni e relazioni. La comprensione di questo luogo digitale, la conoscenza degli strumenti e l’invenzione di strumenti nuovi che possano sfruttare le opportunità della rete porta a casi di successo come quello presentato. Nel caso di ComEd, ad un comportamento virtuoso corrisponde un premio che lo valorizza, e lo fa attraverso uno strumento tecnologico (il contatore) offerto dall’azienda stessa: il miglior modo per convincere il cliente ad usare un nuovo prodotto è mostrargli come il prodotto può portare valore aggiunto sulla base di un comportamento migliore di quello precedente. 

ComEd è la prima utility del Midwest ad offrire ai suoi clienti una opportunità simile. Il piano Smart Grid di ComEd prevede l’installazione di circa 4 milioni di contatori intelligenti in tutta la sua area di servizio entro la fine del 2018, ed attualmente più di 1,6 milioni di contatori intelligenti sono già stati installati. 



IanusBlog

Blog di Ianus

Leave a comment